skip to Main Content

Chiamato anche “Granaccio”, probabilmente è stato introdotto in Sicilia dai francesi e dai britannici nel XVIII secolo. Pianta mediamente vigorosa, foglia media, grappolo medio, cilindro-conico, acini con buccia consistente, pruinosa, di colore blu-scuro tendente al violaceo. Maturazione tardiva.

Si produce un ottimo vino di colore rosso porpora, con sentori vinosi e fruttati, dal gusto fine, poco corposo, equilibrato e armonico, preferibilmente da pronto consumo. E’ diffuso nelle province di Catania e Messina.

Back To Top